facebook
instagram
whatsapp

redazione@ivespri.it

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Direttore Responsabile: Fabio Tracuzzi - direttore@ivespri.it

Direttore Editoriale: Nunzia Scalzo - direttoreditoriale@ivespri.it

Registrazione: Tribunale di Catania n. 7/2006 del 3/3/2006

Sede legale: Via Aloi 26 - 95126 Catania

 

Contatta la redazione: redazione@ivespri.it

Contatta l'amministrazione: amministrazione@ivespri.it


facebook
phone
whatsapp

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

banner per i vespri
vespri_300x250

Editore e ragione sociale:
Vespri società cooperativa

Via Aloi 26 - Catania

P.IVA IT04362690879 - Codice fiscale 93117170873
pec: cooperativa.vespri@twtcert.it

I Vespri @ Tutti i diritti son riservati, 2022

Da Ciancio a Mirri: La Sicilia cambia "patron"

2023-11-21 09:28

redazione

Cronaca, Attualità, Focus,

Da Ciancio a Mirri: La Sicilia cambia "patron"

Il patron del Palermo Calcio Dario Mirri starebbe per comprare il quotidiano La Sicilia di Ciancio. Nessuna conferma, ma si parla di "opzione molto seria"

Se confermata la notizia sarebbe clamorosa. Mario Ciancio, storico proprietario ed editore del quotidiano La Sicilia starebbe per vendere, o avrebbe già venduto il giornale a Dario Mirri, patron del Palermo calcio. La notizia è stata lanciata per prima dalla piattaforma on line Lettera 43. Dall’interno del giornale non arriva al momento nessuna conferma anche se, i ben informati delle vicende della proprietà parla di “opzione molto seria”. Il che fa pensare che la trattativa, se non già con conclusa sarebbe in dirittura d’arrivo. Mirri avrebbe come consulente Antonello Perricone ex AD di Rcs e Sipra (gruppo pubblicitario che per anni è stata anche concessionaria de La Sicilia). E, sempre secondo Lettera 43, si fanno già i nomi del nuovo direttore. Marcello Sorge sarebbe tra i più gettonati.

Adesso manca solo l’ufficialità ad una notizia che più passano le ora più sembra vera. Ci auguriamo solo che nella trattativa  sia stato tutelato il ruolo dei giornalisti del gruppo che con il loro lavoro, i loro sacrifici con una redazione ridotta ai minimi termini, stipendi ridotti e pagati con mesi di ritardo (una vera e propria vergogna) hanno evitato il crollo definitivo dell’azienda. Se la notizia, come sembra, troverà conferma la città, da questo punto di vista, subirà un cambio epocale. Se in meglio o in peggio lo diranno i giorni a venire. La Sicilia, così  come tutti i giornali cartacei, attraversa un periodo, ormai lungo e alquanto reversibile, di crisi con il numero di copie vendute ridotte al lumicino.  Se Mirri vuol  comprare vuol dire che è pronto a rilanciare. La risposta in  un futuro ormai prossimo.

F.T.