facebook
instagram
whatsapp

redazione@ivespri.it

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Direttore Responsabile: Fabio Tracuzzi - direttore@ivespri.it

Direttore Editoriale: Nunzia Scalzo - direttoreditoriale@ivespri.it

Registrazione: Tribunale di Catania n. 7/2006 del 3/3/2006

Sede legale: Via Aloi 26 - 95126 Catania

 

Contatta la redazione: redazione@ivespri.it

Contatta l'amministrazione: amministrazione@ivespri.it


facebook
phone
whatsapp

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

banner per i vespri
ivespri-interno

Editore e ragione sociale:
Vespri società cooperativa

Via Aloi 26 - Catania

P.IVA IT04362690879 - Codice fiscale 93117170873
pec: cooperativa.vespri@twtcert.it

I Vespri @ Tutti i diritti son riservati, 2022

Nuovo affare Usa: altre sanzioni per Putin

2024-02-24 12:29

Fabio Tracuzzi

Cronaca, Politica, Attualità, Opinioni,

Nuovo affare Usa: altre sanzioni per Putin

Dopo la morte di Navalny nuove sanzioni imposte da Biden con l l'Europa che si allinea. Sanzioni utili solo a Biden, piegano l'Europa e fanno sorridere Putin.

E dopo il caso Navalny arriva la punizione, durissima, contro la Russia. Nuove sanzioni contro Putin di Usa ed Europa volute da Biden e imposte al cagnolino Europa. Le sanzioni scattate dall' inizio dell invasione dell' Ucraina, questa è storia ormai, hanno finora ottenuto due risultati. Anzi tre. Hanno ingrassato le casse degli Usa non solo per l'incremento dell' industria bellica ma anche per aver fornito, che bravi, alla povera Europa tutte le materie prime che Putin aveva tagliato ma alle condizioni stelle e strisce. Prendere o lasciare. Secondo risultato: l Europa di conseguenza si è ulteriormente indebitata e quindi indebolita per pagare all' amico Biden quello che ci forniva a prezzi imposti. Assurdo! Un vero e proprio affare per Usa sulle spalle dell'alleato (diciamo meglio zerbino) europeo. Terzo e più importante risultato: fino ad ora le sanzioni imposte sin dall'inizio della guerra a Putin hanno fatto poco più che il solletico. E anche questa è storia. Forse solo Usa ed Europa non si sono accorti che nello scacchiere mondiale non c è più solo l'Occidente, questo occidente, come una volta. Putin lo sa. E se ne sbatte delle sanzioni. Un caso Navalny al giorno non toglie la guerra di torno. E se fossimo dei sospettosi ci chiederemmo: ma questa morte di Navalny a chi ha fatto comodo? Brutta espressione, lo so, per una persona morta. Ma questo è.  Si chiede giustamente e bisognerebbe farlo di più un cessate il fuoco tra Israele e Hamas (che non lo meriterebbe) e non sento mai parlare di necessità di pace sul fronte russo ucraino. Come se li si potesse continuare a morire. Gli Usa vanno contestati perché aiutano Israele (succede in tante piazze europee Italia compresa) e vanno osannanti perché armano l' Ucraina? Ma gli Usa sono sempre gli stessi e tutto quello che fanno è fatto per il loro esclusivo interesse di un colotre ben definito: il verde che è poi il colore dei dollari. Non sono bravi, buoni e simpatici  quando sbarcano in Sicilia e brutti e cattivi quando sterminano il popolo vietnamita col Napalm. E quanti esempi anche più recenti sì potrebbero fare. Cominciamo tutti a farci queste domande. Serve a poco? Certo. Ma cominciare è sempre utile. Magari a quelli che verranno dopo di noi che non dovranno partire da zero.