facebook
instagram
whatsapp

redazione@ivespri.it

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Direttore Responsabile: Fabio Tracuzzi - direttore@ivespri.it

Direttore Editoriale: Nunzia Scalzo - direttoreditoriale@ivespri.it

Registrazione: Tribunale di Catania n. 7/2006 del 3/3/2006

Sede legale: Via Aloi 26 - 95126 Catania

 

Contatta la redazione: redazione@ivespri.it

Contatta l'amministrazione: amministrazione@ivespri.it


facebook
phone
whatsapp

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

banner per i vespri
ivespri-interno

Editore e ragione sociale:
Vespri società cooperativa

Via Aloi 26 - Catania

P.IVA IT04362690879 - Codice fiscale 93117170873
pec: cooperativa.vespri@twtcert.it

I Vespri @ Tutti i diritti son riservati, 2022

“La città senza nome” appuntamento con Palco Off

2024-03-19 12:20

redazione

Cronaca, Spettacoli, Focus,

“La città senza nome” appuntamento con Palco Off

Spettacolo che racconta un Sudamerica abbandonato, che ancora oggi cerca di leccarsi le ferite di una feroce violenza subita. Vincitore al Fringe festival 2022

In cartellone dal 13 al 14 aprile  da Zo Centro Culture Contemporaneeil settimo appuntamento con la rassegna teatrale “Palco Off”.  In scena lo spettacolo “La città senza nome” produzione Pantakin, di e con Lucas Joaquin Da Tos Villalba e Matteo Campagnol.

 I protagonisti ci raccontano una storia avventurosa che parla di viaggi, amori, speranze e resistenza. Una piazza. Un bar. Un barbiere... con una gran bella vetrata… l’unica. Una caserma. Una chiesa. Un’ officina e in centro una statua...una specie di cowboy nano. E naturalmente qualche casa. Niente altro.  Questo lo scenario di una storia che unisce storie popolari, leggende e testimonianze di chi ha vissuto un Sudamerica insolito, forse poco conosciuto, lontano dalle grandi città. Gli abitanti del luogo in cui il protagonista si ritrova catapultato, rappresentati come figure grottesche di un'Argentina dimenticata, raccontano la loro esistenza e confidano le loro speranze. Permettendoci di affacciarci in una vita e un tempo lontano.

Un tempo in cui chi si ribellava veniva fatto sparire per sempre e chi leggeva troppo i giornali era considerato un sovversivo e per questo costretto a scappare e cercare fortuna altrove: il pensiero libero e indipendente condannava a intraprendere un viaggio che spesso diventava infinito. Uno spettacolo che racconta un Sudamerica molto spesso abbandonato, che ancora oggi cerca di leccarsi le ferite di una feroce violenza subita. Un racconto fantastico, una fiaba per adulti, una storia per ricordarci di non smettere mai di credere ai miracoli. Lo spettacolo, vincitore del Premio “Palco Off” al Fringe Festival di Catania 2022 e menzione speciale della giuria del Prague Fringe Festival, porta avanti una ricerca artistica, nata in occasione del Festival Internazionale di Storytelling del 2018, che ha come obiettivo quello di unire in un unico linguaggio scenico la narrazione, la maschera e la musica.