redazione@ivespri.it

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

tmb (970 × 250 px)

Direttore Responsabile: Fabio Tracuzzi - direttore@ivespri.it

Direttore Editoriale: Nunzia Scalzo - direttoreditoriale@ivespri.it

Registrazione: Tribunale di Catania n. 7/2006 del 3/3/2006

Sede legale: Via Aloi 26 - 95126 Catania

 

Contatta la redazione: redazione@ivespri.it

Contatta l'amministrazione: amministrazione@ivespri.it


facebook
phone
whatsapp

Editore e ragione sociale:
Vespri società cooperativa

Via Aloi 26 - Catania

P.IVA IT04362690879 - Codice fiscale 93117170873
pec: cooperativa.vespri@twtcert.it

I Vespri @ Tutti i diritti son riservati, 2022

Gesù tra De Andrè, Gibran e Puglia

2022-07-21 12:09

Aldo Mattina

Cronaca, Spettacoli,

Gesù tra De Andrè, Gibran e Puglia

Da tre anni circuita, con immutato interesse e successo, un lavoro teatrale nato nel 2005 e  rimasto accantonato per qualche anno.

    Da tre anni circuita, con immutato interesse e successo, un lavoro teatrale nato nel 2005 e  rimasto accantonato per qualche anno. Rappresenta probabilmente la maggiore fatica del poliedrico autore-regista ed attore catanese Emanuele Puglia. Stiamo parlando di “Si chiamava Gesù”, approdato nella suggestiva corte del Castello Ursino nell’ambito dell’estate catanese.

    E’ uno spettacolo composito, non sai bene se definirlo teatrale, musicale, poetico o riflessivo; probabilmente è un po’ di tutto ciò. Lo si evince già dalle matrici cui Emanuele Puglia ha attinto: L’album “la buona novella” di Fabrizio De Andrè e “Gesù figlio dell’uomo” del poeta, pittore e filosofo libanese, emigrato in America, Kahlil Gibran (autore, fra l’altro, dell’ancor più celebre “Il Profeta”).    

    Ma Puglia non si è limitato a collazionare brani che per la loro diversa natura potevano causare anche contraddizioni ed, in ultima analisi, fornire materiale per realizzare una sorta di Musical, oggi tanto di moda. E’ andato ben oltre costruendo un percorso personale e coerente fino a mostrare e teatralizzare una visione struggente, poetica ed anche disincantata  della figura di Gesù. Un Gesù estremamente umano ma portatore di un messaggio universale di spiritualità e di amore, attraverso le ‘testimonianze’ dei personaggi presenti sia in De Andrè sia in Gibran.

    Gibran inventa una corale massa di  voci-personaggi (ben 77) alternando quelle di nemici e discepoli, personaggi reali (Maria, Ponzio Pilato, Giuda…) ed altri di sua invenzione (Il logico, il filosofo, Susanna…); tutti evocano la figura del Figlio di Dio a partire da loro stessi, sottolineandone, più che la mansuetudine, la forza, il vigore, la ribellione alla lettera della legge. Per Gibran Gesù è soprattutto “il figlio dell’uomo e rappresenta il compimento e la realizzazione di ogni singolo uomo: la libertà, la pienezza, la passione dell’essere” (Isabella Farinelia).

    La suggestione di De Andrè, invece, poggia sul doppio binario della musica e della parola, la sua è una visione laica ma non meno ricca di tensioni emotive e, pur nell’apparente provocazione, perfino etica. 

    Il merito di Emanuele Puglia è stato quello di riuscire a fondere, nel suo ‘racconto’, le diverse anime delle due ‘fonti’ con un lieve intervento testuale che li cuciva senza  increspature e senza tentare (per la parte musicale) di ‘imitare’ De Andrè, bensì esaltandone la chiarezza espositiva. Una prova attoriale e canora che Emanuele Puglia ha condiviso Con Carmela Buffa Calleo in una avvincente ‘gara’ di bravura che li ha visti conquistare un pubblico attratto sia dalla intensità del testo, sia dalla elegante e coinvolgente rielaborazione musicale dovuta al lavoro di arrangiamento di Gianluca Cucchiara.

    La collocazione all’aperto nella corte ferdinandea ha permesso oltretutto uno sfruttamento registico a tutto campo delle belle scene ideate dal compianto Giuseppe Andolfo, unitamente ai colorati costumi oggetto di continui ‘travestimenti’, fino alla completa utilizzazione di velari, abiti, tuniche mano a mano utilizzati e dismessi. L’accorto uso delle luci permetteva anche la realizzazione di veri e propri quadri plastici, acme dei quali la crocefissione ottenuta con semplici velari rossi e l’immagine finale raffigurante una poeticissima Pietà cui i due bravissimi interpreti hanno dato forma e luce.

                                                           

   

 

catotti
Come creare un sito web con Flazio