facebook
instagram
whatsapp

redazione@ivespri.it

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Direttore Responsabile: Fabio Tracuzzi - direttore@ivespri.it

Direttore Editoriale: Nunzia Scalzo - direttoreditoriale@ivespri.it

Registrazione: Tribunale di Catania n. 7/2006 del 3/3/2006

Sede legale: Via Aloi 26 - 95126 Catania

 

Contatta la redazione: redazione@ivespri.it

Contatta l'amministrazione: amministrazione@ivespri.it


facebook
phone
whatsapp

Editore e ragione sociale:
Vespri società cooperativa

Via Aloi 26 - Catania

P.IVA IT04362690879 - Codice fiscale 93117170873
pec: cooperativa.vespri@twtcert.it

I Vespri @ Tutti i diritti son riservati, 2022

Wanted...quel mega manifesto al Bellini

2023-01-16 17:35

Fabio Tracuzzi

Cronaca, Attualità, Focus,

Wanted...quel mega manifesto al Bellini

Era il 2009 e sulla facciata del Bellini fu esposto per volere dell'allora Sovrintendente Fiumefreddo una mega manifesto che incitava alla cattura del boss.

Correva l’anno 2009…si potrebbe cominciare così visto che sono trascorsi ben 14 anni da quando una mattina sulla facciata del Teatro Bellini di Catania venne esposto questo enorme manifesto, stile Andy Warhol, con le quattro possibili facce dell’allora latitante (ora non lo è più) Matteo Messina Denaro e la scritta Wanted a caratteri cubitali. L’iniziativa fu decisa dall’allora Sovrintendente del Bellini Antonio Fiumefreddo, al quale, come vedremo, furono anche rivolte non poche critiche e tentaivi di censura. E’ lo stesso Fiumefreddo che ci ricorda cosa accadde. “In un quartiere di Palermo fu realizzata questa opera splendida di street art. Ma pochi giorni dopo qualcuno di notte la cancellò facendola sparire. E tutta Italia ne parlò. Allora io decisi per solidarietà a quegli artisti palermitani di usare la facciata del Bellini come impegno civico e feci riprodurre l’opera su un telo enorme che andava dal balcone del foyer sino all’altezza delle porte di ingresso e dissi che sarebbe rimasto esposto fino a quanto Messina Denaro non sarebbe stato catturato, Visti gli anni che sono trascorsi avrei dovuto rifare quel telo chissà quante volte”. Fiumefreddo subì, come dicevamo, anche alcune critiche pesanti da politici locali, politici talmente insignificanti di cui è impossibile ricordare il none. Lo invitavano in poche parole a ritirare il singolare “manifesto” perché il Teatro Bellinii doveva solo occuparsi di musica. Fiumefreddo ovviamente non si fece per niente intimorire e andò avanti per la sua strada e quell’enorme manifesto in stoffa resto al Bellini per mesi e mesi.

catotti
Come creare un sito web con Flazio