facebook
instagram
whatsapp

redazione@ivespri.it

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Direttore Responsabile: Fabio Tracuzzi - direttore@ivespri.it

Direttore Editoriale: Nunzia Scalzo - direttoreditoriale@ivespri.it

Registrazione: Tribunale di Catania n. 7/2006 del 3/3/2006

Sede legale: Via Aloi 26 - 95126 Catania

 

Contatta la redazione: redazione@ivespri.it

Contatta l'amministrazione: amministrazione@ivespri.it


facebook
phone
whatsapp

Editore e ragione sociale:
Vespri società cooperativa

Via Aloi 26 - Catania

P.IVA IT04362690879 - Codice fiscale 93117170873
pec: cooperativa.vespri@twtcert.it

I Vespri @ Tutti i diritti son riservati, 2022

Giuliano Cardella, talento nato alle elementari

2023-01-20 17:10

Donatella Turillo

Cronaca, Attualità, Focus, Cultura,

Giuliano Cardella, talento nato alle elementari

E' stata la sua maestra ad accorgersi prima delle sue qualità artistiche. Oggi Giuliano Cardella è apprezzato nel mondo. Ceramica, pittura e installazioni

 

Testo e foto di Donatella Turillo

 

Quando le maestre delle scuole elementari  riescono a capire ed intuire le capacità di un bambino che potrebbe diventare un futuro artista, la vita di un essere umano potrebbe assumere una svolta importante. Potrebbe prendere la direzione giusta e seguire il cammino indirizzato dal proprio spirito. Questo è quanto è accaduto all’artista di arti visive Giuliano Cardella, che grazie al proprio talento nonché  all’attenzione e alla sensibilità della propria maestra, in occasione di un lavoretto da compiere in classe per  la Festa della Mamma ha  avuto l’opportunità di realizzare con certezza quale lavoro avrebbe voluto fare da grande:il pittore. Un piccolo gesto quello della maestra che si è presentata a casa dei genitori del piccolo Giuliano con un dipinto da lui realizzato a scuola, un atto d’amore, una lode non solo verbale che ha segnato positivamente la strada di Cardella, che ancora ricorda vivamente l’infinita emozione provata quel giorno.  L’artista Giuliano Cardella, apprezzato nel mondo, non riesce a definire il suo modo di fare pittura, la sua  ricerca artistica è incentrata molto sul segno, lo si può notare sui suoi lavori  sulla ceramica, sulla pittura e sulle grandi  installazioni. Segni che ricordano il pre grafismo , passando dal Naif alla Street Art.  “ Mi piace l’idea  di mettere insieme tutto quello che mi circonda tutto quello che mi emoziona” dichiara “ Come un graffio” continua “ o il particolare di una pennellata. Sia nella pittura che nella ceramica penso di essere riconoscibile. Il risultato che ottengo è quello che a me piace”.

Le sue  composizioni di ceramica sono frutto della sua fantasia creativa per materiali e tecnica, “Creo  con il materiale che ho a disposizione, seguo il mio flusso,la mia energia interiore riuscendo talvolta a creare più di cinquanta opere in un giorno”.

Una piacevole chiacchierata che diventa un’intervista a casa di Giuliano, abitazione che condivide  con il suo compagno Francesco, diventa un  delicato cammino nella sua anima, per scoprire anche che si dedica al volontariato insegnando arte, da quattro anni, ai bambini del quartiere, che trovano sollievo e svago tra i colori e le tele.

Cardella diplomato in Arti Applicate presso l’Istituto d’Arte di Castelmassa (Ro), ha lavorato  per trentacinque anni in fabbrica come tornitore non abbandonando per questo,   la sua passione per l’arte, anzi , è proprio attraverso l’utilizzo dei materiali usati nel suo lavoro che trova spunto per creare.

“Lavorare in fabbrica è stato molto interessante” racconta “Anni fa ho spedito alla Royal Accademy  due mie opere realizzate incollando dei fogli macchiati di ruggine, trovati in fabbrica,  su due pannelli incollati su di una tavola, non credendo venissero presi in considerazione. Invece con  mia grande gioia mi comunicano che il miei impianti sono stati scelti ed acquistati  da due curatori diversi per la La Summer Exhibition”.

L’artista collabora con diverse gallerie d’arte nazionali ed internazionali alcune delle quali Spazionoto per l’appunto a Noto diretta da Paolo Perrelli, galleria che accoglie le proposte provenienti dalla comunità Queer, (termine inclusivo di tutte le identità sessuali e di genere), The Fletcher Art Gallery  a Nottingham ed  ancora la nota galleria “Carta Bianca fine arts”  a Catania di Francesco Rovella, Memoli  Arte Contemporanea a Potenza, galleria Vecchio a Randazzo, Vetrofusione  a Brescia nonché la Saatchi Gallery di Londra.

Fino al 16 Febbraio sarà possibile visitare la sua mostra “Il mio sentire“ all’interno del  teatro di Piazza Scammacca a Catania.

L’armonia dei suoi segni, la freschezza dei colori delle linee che sprigionano giocondità e quiete sono il tratto evidente del suo stile.

 

 

037641d6-97dc-4776-9e21-13d0af5363da.jpegcedac193-a3b6-459c-9ce0-785f3cebabaf.jpegd5ccb937-b0cf-4936-a0d8-2b066c472ca8.jpeg037641d6-97dc-4776-9e21-13d0af5363da.jpeg
catotti
Come creare un sito web con Flazio