facebook
instagram
whatsapp

redazione@ivespri.it

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Direttore Responsabile: Fabio Tracuzzi - direttore@ivespri.it

Direttore Editoriale: Nunzia Scalzo - direttoreditoriale@ivespri.it

Registrazione: Tribunale di Catania n. 7/2006 del 3/3/2006

Sede legale: Via Aloi 26 - 95126 Catania

 

Contatta la redazione: redazione@ivespri.it

Contatta l'amministrazione: amministrazione@ivespri.it


facebook
phone
whatsapp

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

banner per i vespri
ivespri-interno

Editore e ragione sociale:
Vespri società cooperativa

Via Aloi 26 - Catania

P.IVA IT04362690879 - Codice fiscale 93117170873
pec: cooperativa.vespri@twtcert.it

I Vespri @ Tutti i diritti son riservati, 2022

Le donne del sud e il volto nascosto degli anni '60

2023-07-06 17:02

redazione

Cronaca, Attualità, Focus, Libri,

Le donne del sud e il volto nascosto degli anni '60

Disponibile su cartaceo e digitale per Le Trame di Circe “Di vento e d’Aurora" nuovo romanzo della scrittrice Rossella C.Nunziata, calabrese di Rovito (Cosenza)

Potrebbe sembrare una privilegiata Aurora, ragazza bene dell’aristocrazia calabrese, con un padre che la ama profondamente ed il fido Arturo, il suo cane mascotte che la accompagna e la protegge. Ma anche per lei arriva il giorno di confrontarsi con la sua condizione di donna, in un ambiente che riconosce al maschio il diritto di determinazione sull’altro sesso; un diritto incondizionato, cui anche le giovani donne di buona famiglia devono sottostare. Si muove lungo la traiettoria di legami familiari traditi, illusioni spezzate precocemente, sentimenti e corpi violati la trama di un romanzo avvincente, un tascabile che fa della denuncia il suo valore più grande, dimostrando come il più delle volte, anche oggi, le donne pagano sulla loro pelle la ribellione allo status quo. In primo piano il corpo con le violenze subite e con le somatizzazioni di quelle mortificazioni psicologiche che ogni donna più o meno conosce anche in tempi di riconosciuto progresso.

 

Ambientato negli anni Sessanta, nel Sud del nostro Paese, tra Calabria e Campania, lo scritto di Rossella C. Nunziata ha il pregio di una peculiarità linguistica che ripercorrendo i canoni del verismo, con l’uso sapiente del dialetto, porta il lettore a stretto contatto con le vicende narrate, per un’esperienza molto simile a quella filmica.

 

Le contraddizioni dei legami familiari, le ferite profonde di carenze affettive e soprattutto un fondamentale sbilanciamento tra il femminile e il maschile, alcuni dei temi portanti del romanzo, che attraverso la vicenda di Aurora, ragazza bene dell’aristocrazia calabrese, mette a fuoco i mali di una società patriarcale e maschilista che relega le donne in ruoli precostituiti, mortificando la minima volontà di autodeterminazione. In primo piano il corpo femminile, sia come oggetto di violenza maschile, sia come ricettacolo di un malessere psicologico che trova nella malattia mentale il suo naturale approdo. Un romanzo duro e delicato assieme sulle tante sfaccettature dell’animo femminile, che ha vissuto e continua anche oggi a vivere nella dialettica col maschile una lotta impari, segnata da ingiustizie e profonde disuguaglianze.

 

L’ambientazione è quella degli anni Sessanta, periodo di proteste e cambiamenti, che sembrano tuttavia non scalfire la grettezza di un pensiero arcaico e antiprogressista che, soprattutto al Sud, tocca tutte le donne di qualsiasi ceto sociale. La protagonista Aurora, intelligente e vivace, reagisce in modo punitivo, istintivo alla violenza sessuale subita dalla sorella, ma pagherà caro il suo gesto di ribellione. È il prezzo del riscatto che tuttavia tarda a venire anche per la difficoltà delle donne a vivere una solidarietà di genere.     

 

Le vicende della trama si sviluppano lungo una traiettoria che nella fusione tra Calabria e Campania fa cogliere la differenza con un Nord apparentemente più tollerante verso la donna, ma toccato nel profondo da un pensiero ancora conservatore. Senza la pretesa ingenua di generalizzare, ma col coraggio di raccontare elementi ispirati a storie reali e sconosciute, il volume confessa l’altro lato di una medaglia che fu la rinascita del nostro Paese.

 

--