facebook
instagram
whatsapp

redazione@ivespri.it

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Direttore Responsabile: Fabio Tracuzzi - direttore@ivespri.it

Direttore Editoriale: Nunzia Scalzo - direttoreditoriale@ivespri.it

Registrazione: Tribunale di Catania n. 7/2006 del 3/3/2006

Sede legale: Via Aloi 26 - 95126 Catania

 

Contatta la redazione: redazione@ivespri.it

Contatta l'amministrazione: amministrazione@ivespri.it


facebook
phone
whatsapp

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

banner per i vespri
ivespri-interno

Editore e ragione sociale:
Vespri società cooperativa

Via Aloi 26 - Catania

P.IVA IT04362690879 - Codice fiscale 93117170873
pec: cooperativa.vespri@twtcert.it

I Vespri @ Tutti i diritti son riservati, 2022

Governo tecnico? Chiodo fisso a sinistra

2023-10-06 11:50

Giovanni Frazzica

Cronaca, Focus, Opinioni,

Governo tecnico? Chiodo fisso a sinistra

Dai giornali schierati platealmente a sinistra viene lanciata l'idea di un governo tecnico. Nuova mossa per destabilizzare un governo eletto democraticamente

 Lo scenario che si presenta agli osservatori appare  dominato dalla guerra in Ucraina. Sotto il profilo economico questo interminabile evento ha prodotto e produce effetti negativi sulle economie, quelle occidentali ed europee in particolare, che si sommano ai danni prodotti alla tragica stagione del covid. Il Governo, nato a seguito del responso delle urne dell’anno scorso, non sembra, a mio personale parere,  essere il più adeguato possibile per affrontare la contingenza che si sta attraversando. Tuttavia, nel dire per amore di verità che in questo momento non sarebbe facile per nessuno pilotare la barca di palazzo Chigi, si deve anche considerare che la premier Meloni si porta addosso dei pesi aggiuntivi di natura caratteriale, familiare, di appartenenza ad un contesto culturale-deologico che, sempre secondo il mio personale parere, nell’immaginario collettivo si rifà sempre al fascismo, che costituiscono zavorra per una leader giovane che altrimenti si potrebbe muovere con maggiore rapidità portando innovazione e modernità non solo in Italia, ma anche in una Europa insonnolita da una imperante burocrazia. Qualche giorno fa su La Stampa di Torino è circolata una notizia da brividi, l’ipotesi di “un governo tecnico”, quasi a smentire il ritornello che Salvini e altri ripetono spesso:”governeremo per cinque anni”. Ma forse il vero problema è un altro, anche le miglior automobili hanno necessità, dopo un certo tempo, di fare un tagliando e, questo governo, che non sembra di gran classe in tutte le sue articolazioni, qualche bisogno di tagliando lo sta manifestando. Il decisionismo può essere utile, la caparbietà può essere deleteria, fare una correzione di rotta, non sotto la spinta incalzante di una opposizione, che non c’è, né sotto una pioggia di sentenze, che non esistono, potrebbe essere una modalità intelligente di resettare la conduzione della politica, non tanto nell’interesse del governo di centro-destra, ma nell’interesse dell’Italia.