redazione@ivespri.it

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

Settimanale siciliano d'inchiesta

fondato da Carmelo Rapisarda

tmb (970 × 250 px)

Direttore Responsabile: Fabio Tracuzzi - direttore@ivespri.it

Direttore Editoriale: Nunzia Scalzo - direttoreditoriale@ivespri.it

Registrazione: Tribunale di Catania n. 7/2006 del 3/3/2006

Sede legale: Via Aloi 26 - 95126 Catania

 

Contatta la redazione: redazione@ivespri.it

Contatta l'amministrazione: amministrazione@ivespri.it


facebook
phone
whatsapp

Editore e ragione sociale:
Vespri società cooperativa

Via Aloi 26 - Catania

P.IVA IT04362690879 - Codice fiscale 93117170873
pec: cooperativa.vespri@twtcert.it

I Vespri @ Tutti i diritti son riservati, 2022

Angelo Villari abbraccia Cateno De Luca

2022-08-23 16:02

Fabio Tracuzzi

Cronaca, Politica, Focus,

Angelo Villari abbraccia Cateno De Luca

Angelo Villari è il colpo del mercato direbbero nel calcio. Dopo aver ritirato la disponibilità a candidarsi all'Ars per il Pd trova posto con Cateno De Luca

Angelo Villari: da uno scatto di dignità politica a una decisione, nel giro di appena poche ore, che ha del clamoroso. E aggiungerei anche del vergognoso, sempre politicamente parlando.  Dopo aver infatti ritirato la sua candidatura all'Ars nelle liste del Pd in netta contrapposizione con le scelte e gli atteggiamenti del segretario regionale Anthony Barbagallo, ha scelto di passare, come candidato, nelle liste di Cateno De Luca. L’annuncio ufficiale, dovrebbe essere per domani mattina alle 9.30 anche se da ieri la voce circolava già con insistenza. Insomma siamo a un vero e proprio mercato delle vacche. In  un solo momento Villari getta a mare anni e anni di rispettabile militanza nel Pd e nel sindacato dove era impegnato in prima persona e sempre in prima fila e si accomoda con Cateno De Luca che non fa altro che ripetere che vuole avere niente a che fare con i rappresentanti della vecchia politica ma appena c’è la possibilità di farne salire uno a bordo del suo carro non sappiamo quanto sgangherato,  in cambio di voti non si fa alcuno scrupolo. Adesso Villari dovrà darsi da fare e far vedere a urne aperte che i voti a Catania sono i suoi e non del Pd. Cinque anni fa alle precedenti regionali questi numeri non gli tornarono: fu uno dei trombati eccellenti. Magari adesso col suo passaggio nelle liste di Cateno De Luca verrà premiato. Alle urne l’ardua sentenza. Ora cercerà di spiegare le motivazioni "politiche" che l'hanno portato a questa scelta che, ne siamo certi, definirà dolorosa. Ma qualsiasi spiegazione potrà dare, non se la prenda a male, noi non gli crederemo. La sua ha tutta l'aria  di una disperata caccia, dopo cinque anni di attesa, di un posto a Palazzo d'Oreans. Con chi ha poca importanza.

Signori, la politica

catotti
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder